Home Page » Azienda » Storia invia l'articolo ad un amico invia     stampa l'articolo stampa

Storia

La storia di un` Azienda che rappresenta il fiore all`occhiello del capoluogo pugliese.

Quella dell'Amgas di Bari è la storia di un'Azienda che rappresenta il fiore all'occhiello del capoluogo pugliese.
Le sue origini ci riportano al 1865 quando il Consiglio Comunale di Bari prese atto della necessità di illuminare la città e affidò l'incarico alla Tuscan Gas Company di Londra. Le cronache dell'epoca raccontano:

"Il primo lampione a gas fu acceso nel 1866. I lampioni dovevano essere di grandezza proporzionata e posti a giusta distanza affinché illuminassero sufficientemente le strade per assicurare tranquillità alla popolazione"

Dalle strade si passò alle case e nel 1907 si cominciano a stipulare i primi contratti di fornitura alla popolazione perché nel frattempo il gas illuminante divenne anche gas per uso domestico (la differenza tra il gas illuminante e quello per uso domestico sta nella lavorazione. Il primo è ottenuto dal carbon fossile <600 Kcal/h>, il secondo dal carbon coke <1400 Kcal/h>).
Intanto, nei primi del Novecento alla Tuscan si sostituì la Compagnia Meridionale del Gas di Napoli che esercitò fino al 1964, anno in cui con i primi governi del centro-sinistra venne attuata su tutto il territorio nazionale la trasformazione del gas da gestione privata a gestione pubblica con l'istituzione delle aziende municipalizzate.
Nello stesso anno, quindi, a Bari nacque l'Azienda Municipalizzata del Gas. E nel Meridione cominciò a comparire la nuova energia naturale del metano.

Dal 1964 al 1975 il gas fu distribuito nelle reti della città che nel frattempo si erano sviluppate notevolmente perché erano uscite dal borgo murattiano ed avevano raggiunto anche molti quartieri periferici.

In particolare, nel '65 viene anche deliberata la costruzione della nuova officina, compreso il gazometro telescopico da 30 mila metri cubi, nella zona industriale di Bari in previsione della totale di tutti gli impianti esistenti in via Napoli.

I lavori della nuova sede cominciarono nel 1970 per terminarli nel 1973. Su un'area di circa 10 metri quadri, fu edificato un corpo unico sospeso su un pilot con due ali laterali dove vennero collocati tutti gli uffici tecnici ed amministrativi. Gli uffici oltre ad ospitare i dipendenti, consentirono anche di ricevere gli utenti.

Nel 1975, anno in cui il metano entrando nelle reti esistenti sostituì tutte le precedenti fonti di energia, l'Azienda lavorò alla metanizzazione totale della città con la trasformazione delle reti e l'adeguamento degli apparecchi delle singole abitazioni coprendo l'intero territorio del comune. Per l'Azienda cominciò anche una nuova fase, quella dei finanziamenti pubblici che consentirono poi all'Azienda di arrivare alle condizioni economiche ottimali per appaltare tutte le opere relative al piano di trasformazione progettato.

Nel 1982 si concretizzò l'estensione della rete nei quartieri di Carbonara, Ceglie e Loseto.

Nel 1985 si diede il via alla metanizzazione di Carbonara 2 e successivamente nelle ex frazioni di Torre a Mare, Palese e S. Spirito.
Nel frattempo, utilizzando un impianto che precorreva i tempi e che veniva utilizzato per il riscaldamento, la cogenerazione e l'inceneritore, cominciarono anche le attivazioni di grande utenze come la Fiat di via Oberdan, le Case di Cura Riunite, la Mater Dei.
Ai fini della sicurezza della rete si diede il via alla realizzazione dell'impianto di protezione catodica affidato alla ditta Elettrotecnica Adriatica di Cervia, mentre per l'informatizzazione l'Azienda appaltò i lavori alla Honeywell con un sistema H61/40. Ed ancora, stipulò una convenzione promozionale gli "IRC" e cioè per gli impianti di riscaldamento centralizzati alimentati a metano.

Nel periodo che va dal 1989 al 1994 la crescita dell'Amgas era sotto gli occhi di tutti.
Continuarono i lavori di adeguamento al quartiere murattiano ed ai quartieri periferici. Mentre per quel che concerne le estensioni venne approvato il progetto dell'alimentazione del nuovo Stadio S. Nicola e quello di collegamento nei pressi di via Oberdan delle due grandi reti di trasporto della zona industriale e di Ceglie del Campo per consentire il passaggio del metano da una zona all'altra della città di Bari divisa dalla linea ferroviaria.
Vennero resi esecutivi anche altri interventi come quello di Loseto, del quartiere Stanic - Villaggio del Lavoratore e quello di adeguamento della rete del borgo antico.

Dal 1995 al 1999 avvenne il completamento delle opere di metanizzazione, mentre nel febbraio del 2000 l'Amministrazione Comunale, secondo quanto previsto dal sistema legislativo nazionale, diede il via alla trasformazione dell'Amgas da Azienda mucipalizzata ad Azienda speciale (ASGAS), avviando di fatto quel processo di trasformazione giuridica che poi porterà l'Azienda a diventare SpA.

Da maggio a giugno 2000 cominciò la fase di ristrutturazione della palazzina uffici, sia per quanto riguardava la struttura, che per quel concerneva gli impianti che facevano parte dello stabile, compresa la nuova sistemazione degli uffici.
Si partecipava alle fiere ed in primis alla Fiera del Levante di Bari, si lavorava ad un progetto per portare il gas nella zona più periferica a sud di Bari, ai confini del Comune di Mola. E al fine di professionalizzare al meglio i propri dipendenti l'Azienda cominciò ad avviare i primi corsi di formazione.

Nel Maggio 2001, superato il vecchio istituto della municipalizzata ma anche il più recente ASGAS, si arrivò finalmente alla costituzione dell'Amgas iscritta nel registro delle società della Camera di Commercio di Bari in data 2 maggio 2001. Un atto importante che mise l'Azienda nelle condizioni di competere con le altre grandi realtà nazionale che già erano pronte a penetrare nel territorio grazie alla liberalizzazione del mercato del gas.
Le finalità primarie dell'Amgas SpA: ricerca, produzione, approvvigionamento, trasporto, trasformazione, distribuzione, vendita, utilizzo e recupero energie.
Subito dopo la costituzione in SpA si approntarono nuove strategie, rinnovate attività, vennero avviati contatti con l'Amtab per l'istituzione di una centrale destinata a trasformare tutti mezzi pubblici per dotarli di alimentazione a metano. Anche con l'area portuale barese si studiò un investimento che potesse consentire l'uso del metano a tutte le palazzine del porto.
Sotto l'aspetto della comunicazione in questo periodo fu rifatto il marchio dell'Azienda e si elaborò la prima bolletta a colori, stampa fronte retro, con tutte le notizie ed i messaggi imposti dalle nuove norme emanate dall'Autority dell'energia.
L'Amgas raggiunse i centomila utenti.
Il capitale sociale venne convertito in euro.
E, nell'intento di migliorare il servizio verso i clienti, venne istituito un numero verde. L'incarico di presidiare la linea telefonica fu affidato ad una società esterna.

Nel 2002 nasce il primo call center dell'Azienda.
Viene istituito un sito internet.
Vengono ammodernati gli uffici aziendali con la realizzazione di una reception in grado di accogliere e smistare gli utenti. Si provvede al totale rinnovo del parco automezzi, e vengono aperti otto sportelli aziendali in altrettante agenzie della Banca Popolare di Bari dislocate in altrettanti quartieri della città.
Viene approntato un progetto per servire una grossa industria che si insedierà negli anni a venire nella zona di Mungivacca.

A giugno 2003, in adempimento all'art.21 del decreto legislativo 164/2000 nasce l'Amgas srl vendita. Questa avrà un contratto di fitto d'azienda ed uno di full service.

Dal novembre 2004 Salvatore Madaro, Presidente dell'Amgas SpA e Paolo Marra, Presidente dell'Amgas srl, si impegnano per un progetto che vuole affermare l'Amgas come uno dei beni più preziosi di Bari, ma soprattutto dei baresi. Una realtà dove trasparenza, tempestività, sicurezza e collaborazione con gli utenti sono principi imprescindibili.

Il periodo a partire dal 2011, sotto la guida del presidente Ugo Patroni Griffi, è stato caratterizzato da considerevoli azioni poste in essere per stabilizzare e sviluppare le attività aziendali in vista dell’imminenza della gara d’ambito che sarà una pietra miliare nella percorso sociale di Amgas Spa. Tali azioni hanno riguardato la società sotto tutti i punti di vista endogeni ed esogeni. Porre in essere le azionisvolte non è risultato di facile attuazione in particolar modo a causa della cospicua e quanto mai intricata normativa che avvolge le aziende pubbliche, per di più operanti nel settore della distribuzione del gas naturale.

In Primo luogo sono stati posti in essere ingenti investimenti sulle reti e gli impianti in esercizio oggetto del business aziendale (attività catatteristica).

Per quanto riguarda i servizi sui punti di riconsegna (pdr) l’azienda ha consolidato i propri standard operativi facendo registrare valori medi delle prestazioni a favore del cliente finale (attivazione, disattivazione, riattivazione per morosità, preventivazione ed esecuzione lavori, ecc.) in linea, se non migliori, di quelli medi nazionali resi noti dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas.

Rilevanti attività sono state svolte nell’implementazione della telelettura; l’adempimento rinviene dalla del. AEEG n. 155/08 e s.m.i. e, con riferimento a questi, già al 31.12.12, AMGAS SpA ha già attivato 1260 pdr di classe maggiore o uguale a  G10 su un totale di 1469 pdr; il lavoro  è ovviamente proseguito nel corso del 2013 e ad oggi, ha consentito ad AMGAS SpA di adempiere agli obblighi con in anticipo sui tempi prescritti.
Peraltro, l’implementazione della telelettura ha consentito di sviluppare, nella prima parte del 2013, una serie di attività di ricerca  tecnico-scientifica in collaborazione con il Politecnico di Bari che sta producendo significativi risultati in tema di monitoraggio e controllo dello stato di funzionamento e limiti di operatività della infrastruttura di rete. ). Si può certamente affermare che nello sviluppo del lavoro comune, AMGAS e POLIBA hanno focalizzato l’attenzione sull’integrazione di diverse tecnologie, dimostrando come anche operando su reti reali è possibile localizzare e controllare i processi, quantificare i fenomeni, sfruttare al meglio le risorse, tutti fattori fondamentali in ottica Smart Grids.

In relazione a quanto disposto dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e di servizi idrici con il provvedimento 393 del 19 settembre 2013, A.M.GAS S.p.A., per il tramite dell’Amministrazione Comunale, ha promosso la formazione di un gruppo di lavoro costituito da i due esercenti i servizi di distribuzione gas ed acqua nella città di Bari (AMGAS SpA ed AQP SpA) e l’Enel Distribuzione SpA in qualità di gestore della infrastruttura di comunicazione e carrier della misura, al fine di presentare all’ammissione al finanziamento un innovativo progetto di telegestione multi-servizio e di altri servizi di pubblica utilità in logica smart-city. In tale contesto, AMGAS SpA, in qualità di soggetto promotore ha coordinato il gruppo di lavoro innanzi citato e, in data 29 aprile 2014,  ha depositato istanza  di ammissione al finanziamento per un progetto che ha previsto la telelettura e telegestione di circa 10.000 punti (dei quali 9.000 gas) distribuiti  su varie zone della città: Picone, Poggiofranco, Carrassi, San Pasquale, Centro storico di Loseto, San Giorgio Torre a Mare.

Tra le azioni più rilevanti poste in essere nell’ultimo triennio vanno menzionate certamente le seguenti:
o    E’ stato sottoscritto un Protocollo d’Intesa con la Prefettura di Bari ai fini della prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata e per il rafforzamento della legalità e della trasparenza nel settore dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture.Si evidenzia che ad oggi risulta che Amgas Bari Spa è la prima società pubblica in Puglia ad aver sottoscritto un tale atto d’impegno.
o    E’ stato ridefinito il Modello organizzativo ex dlgs 231/01 in modo da essere complianced con la normativa sull’anticorruzione e in materia ambientale.
o    E’ stato ridefinito l’assetto organizzativo in modo da essere in linea con il Testo Integrato Unbundling rilasciato dall’AEEGSI attraverso la costituzione del Gestore Indipendente.

In ultimo ma non certo per importanza si ricorda  il progetto di efficientamento energetico della sede aziendale.

Tutta la nuova storia dell'Amgas che stiamo scrivendo la leggerete all'interno di questo sito.


I presidenti dell`AMGAS